MarterNeri www.fratellibartoli.com www.tuttolivorno.it Fanfani Terminal Calata Orlando www.logistictrainingacademy.it www.falegnamerialivorno.it/arredamenti-nautica/

L’operazione i tempi i consigli

21/06/2020

/admin/news/N007833_interporto1.jpg 	COLLESALVETTI – Ma vuoi vedere che questa è proprio la volta buona? Per almeno un paio d’anni ce l’hanno menata con l’interporto Vespucci che sarebbe diventato retroporto, che le due realtà sarebbero state unificate anche sul piano societario, che sarebbero state collegare da uno “scavalco” utile come il pane, e infine che anche RFI era molto interessata ad entrare.

Tante, tantissime parole, spesso supportate anche da “quasi” atti ufficiali, come la decisione di utilizzare quanto pagato da Onorato/MSC per la Porto 2000 per entrare nel Vespucci. Ma fatti, zero.

Adesso dovremmo esserci. Se il Comitato di Gestione dell’AdSP di martedì prossimo non ci metterà qualche intoppo, rimarranno solo i tempi burocratici – mi correggo: gli altri tempi burocratici – ma l’operazione andrà in porto e due giorni dopo, giovedì 25, sarà la volta dell’assemblea del Vespucci a prenderne formalmente atto. I circa 9 milioni di euro di cui si parlava all’inizio sarebbero scesi a 6 milioni – il tempo erode anche le colonne dei templi greci… – ma sono pur sempre quattrini sonanti. E sembra che la decisione sia di conferire questi fondi come aumento di capitale totalmente dedicato a investimenti. Chi ipotizzava che i principali soci (ormai dentro obtorto collo) prendessero l’occasione per acchiappare ciascuno il gruzzoletto e sparire (vedi banche) sarebbe smentito. E poi c’è anche la mezza promessa di RFI di essere interessata anch’essa: sia a investire con una stazione ferroviaria interna, per meglio smistare il traffico su ferro che dovrà necessariamente crescere, sia forse anch’essa per ritagliarsi una quota sociale. Sarebbe, ovviamente, benvenuta.

Resta in sottofondo qualche considerazione. Ne facciamo solo una, sottovoce per non disturbare i manovratori. Tutto questo tempo trascorso per un’operazione che avrebbe ogni crisma di trasparenza, sembra sia dovuto al timore ormai ossessivo degli organi amministrativi – principalmente nell’AdSP – di garantirsi contro qualche tintinnar di manette. Con metà dei porti sotto inchiesta delle varie magistrature, con il quasi giornaliero annuncio di denunce, di ricorsi, di ulteriori indagini, di ANAC e compagnia bella, difficile non comprendere che il settore vive una continua apprensione. Diceva una poesiola del Trilussa che in un mondo ormai comandato dai conigli – in senso lato, cioè dalla sindrome della paura – non si può essere tutti leoni. Prendi e porta a casa, recita il noto proverbio.

Antonio Fulvi

TDT scialuppa nave Lorenzini Terminal
Avvisatore Marittimo Pontone Lorenzini Terminal TDT